PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI | Università degli studi di Bergamo - Didattica e Rubrica

PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
25175

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2020/2021
Insegnamento (nome in italiano): 
PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI
Insegnamento (nome in inglese): 
PLANNING OF SOCIO-SANITARY SERVICES
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
IGIENE GENERALE E APPLICATA (MED/42)
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2022/2023
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
120
Ambito: 
Discipline didattiche e per l'integrazione dei disabili
Prerequisiti

NESSUNO

Obiettivi formativi

Organizzazione e progettazione del sistema sociosanitario in Lombardia.
La pandemia ha messo in evidenza la necessità di dare una nuova organizzazione alla rete sanitaria regionale, con l’obiettivo di avvicinare il cittadino alle cure primarie e ai servizi socio assistenziali e permettergli di avere un collegamento diretto con la rete ospedaliera e territoriale di nuova istituzione, in base alle sue necessità.
Regione Lombardia attraverso l’approvazione della legge Regionale 22 del 14 dicembre 2021, ha apportato sostanziali Modifiche al Titolo I e al Titolo VII della legge regionale 30 dicembre 2009, n. 33 (Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità), prevedendo importanti interventi di miglioramento e rafforzamento del sistema sanitario e sociosanitario lombardo.
Gli interventi programmati prevedono:
• il potenziamento e la creazione di strutture e presidi territoriali più vicini al cittadino ed in grado di rispondere ai suoi bisogni
• il rafforzamento dell’assistenza domiciliare,
• lo sviluppo della telemedicina,
• una più efficace integrazione con tutti i servizi socio-sanitari.
Condurre una lettura ed un confronto approfondito sulle evoluzioni introdotte dalla norma, nonché sui contenuti della Missione 6 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), cui la norma si ispira, risulta fondamentale per capire le evoluzioni che già stanno impattando sul sistema salute, nonchè per assimilare le prospettive di rafforzamento e potenziamento del sistema di assistenza sanitaria e di prevenzione della Lombardia ed il sistema sanitario regionale nel suo complesso.

Contenuti dell'insegnamento

1 - ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO
• Tutela costituzionale della salute;
• Principi ispiratori del SSN;
• Livelli Essenziali di Assistenza;
• Principio di contestualità tra appropriatezza economica e appropriatezza clinico-assistenziale;
• Distribuzione delle funzioni fra lo Stato e le regioni;
• Regionalizzazione e aziendalizzazione;
• Modelli di governance regionale e management aziendale (L.R. 33/2009 aggiornato dalla legge 23/2015 e dalla L.R. 22/2021).

2 - PROGETTAZIONE DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO LOMBARDO
• Gli elementi caratterizzanti e di innovazione dalla LR 22/21: l’approccio “one health”, il superamento della frammentazione dell’offerta, sussidiarietà orizzontale, sostenibilità ambientale, innovazione tecnologica e organizzativa.
• Le funzioni della regione
• Le funzioni di ATS e le modifiche introdotte all’assetto organizzativo
• Le funzioni delle ASST e le modifiche introdotte all’assetto organizzativo: il polo ospedaliero ed il polo territoriale
• Il polo territoriale di ASST: i Distretti, i Dipartimenti, le CdC, gli OdC e le COT
• Epidemiologia: programmazione e governance;
• L’innovazione tecnologica: il nuovo sistema digitale del territorio e la telemedicina
• Integrazione con il sistema di welfare sociale e l’organizzazione politico-programmatoria dei Sindaci: le assemblee dei sindaci dei piani di zona;
• La Conferenza dei Sindaci e le Assemblee dei Sindaci di Distretto;
• Il Collegio dei Sindaci;
• Il sistema delle cure primarie (MMG, PLS, Infermiere di famiglia\comunità, rapporti con le autonomie locali, valutazione multidimensionale);
• Reti socio-sanitarie residenziali, diurne e domiciliari;
• Rete delle reti o rete integrata di continuità delle cure e dell'assistenza;
• Salute Mentale, Dipendenze, Psicologia Clinica e Materno-Infantile come modelli dipartimentali a matrice reticolare evoluta.

Metodi didattici

Il corso è sviluppato attraverso lezioni frontali tenute dal docente.
In caso di disposizioni delle autorità competenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica, l'insegnamento potrebbe subire modifiche rispetto a quanto dichiarato nel syllabus per rendere il corso e gli esami in linea con quanto disposto.

Modalità verifica profitto e valutazione

La prova d'esame di fine corso si svolgerà in forma orale e la valutazione sarà espressa in trentesimi. Il superamento dell’esame è consentito al raggiungimento del seguente punteggio 18/30.
I criteri per la valutazione considerano l’appropriatezza terminologica e la padronanza dei concetti e dei loro relativi legami logici.
L’esame accerterà la padronanza dei contenuti del programma e l’acquisizione delle competenze definite negli obiettivi del corso.
Non sono previste prove intermedie.

Prerequisites

NONE

Educational goals

This course aims to teach the organisation of both the national health care system (SSN) and the regional social health care system of Lombardy.

Course content

1. Organisation of the National Health Care System (SSN)
• Inspiring principles of SSN.
• Minimum levels of assistance (LEA).
•Relationship between economical suitability and the clinical suitability.
•State competences and region competences.
•Principles of Company structure implementation.
•Lombardy model from Regional Law 31/97 to Regional Laws 23/2015 and 22/2021.
2. Social health system of Lombardy
•Characteristic and innovative elements from Regional Law 22/2021: “one health” approach, overcoming offer fragmentation, horizontal subsidiarity, sustainability, technological and organisational innovation.
•Functions of the Region.
•Functions of the ATS and modifications to organisational asset: hospital pole and territorial pole.
•ASST territorial pole: Districts, Departments, “CdC”, “OdC” and “COT”.
•Epidemiology: programming and governance.
•Technological innovation: new territorial system and telemedicine.
•Integration with social Welfare and the political-programming organisation of Mayors: Mayor boards for zonal planes.
•“Conferenza dei Sindaci” and “Assemblee dei Sindaci di Distretto”.
•“Collegio dei Sindaci”.
•Primary care system (GPs, family paediatricians, family and community nurses, relationships with local autonomies, multidimensional evaluation).
•Social-health, daily and domiciliary networks.
•Integrated network for continuous health care assistance.
•Mental Health, Dependences, Clinical and Mother-Baby Psychology as evolved reticular-matrix departmental models.

Teaching methods

Frontal lesson.
The course might be different from what is written in the syllabus in order to adapt to the new teaching modalities.

Assessment and Evaluation

The exam at the end of the course will be held in oral form and the evaluation will be expressed out of thirty. Passing the exam is allowed to achieve the following score 18/30.
The criteria for evaluation consider the terminological appropriateness and mastery of the concepts and their related logical links.
The exam will verify the mastery of the program contents and the acquisition of the skills defined in the course objectives.
There are no intermediate tests.