STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA C | Università degli studi di Bergamo - Didattica e Rubrica

STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA C

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
150053

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2020/2021
Insegnamento (nome in italiano): 
STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA C
Insegnamento (nome in inglese): 
HISTORY OF ANCIENT PHILOSOPHY C
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA (M-FIL/07)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2021/2022
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Secondo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
120
Ambito: 
Storia della filosofia
Prerequisiti

E' richiesta la conoscenza delle principali teorie filosofiche del periodo antico e una certa capacità argomentativa.

Obiettivi formativi

Il corso si concentrerà su quella parte della metafisica antica costituita dalla relazione tra ontologia (che trae la sua origine da Parmenide), dialettica platonica e filosofia prima aristotelica. Alla fine del percorso formativo, studentesse e studenti avranno preso confidenza con testi e problematiche di interesse fondamentale per tutta quanta la storia della filosofia, e con metodi che costituiscono ancor oggi la peculiarità dell'indagine filosofica: il metodo dialettico e il metodo deduttivo.

Contenuti dell'insegnamento

Il primo filosofo ad intraprendere lo studio della cosiddetta 'ontologia' è Parmenide di Elea che, in pochi versi di estrema difficoltà, enuncia e descrive l'unica strada di ricerca percorribile: la via dell'essere. Dopo di lui, Platone e Aristotele non potranno fare a meno di proseguire sulla strada intrapresa da Parmenide, fondando rispettivamente la dialettica, che si configura come scienza degli esseri supremi, al tempo stesso ontologia e teologia; e la filosofia prima, che eredita, pur in un confronto critico con i predecessori, la doppia valenza ontologica e teologica che si può già intravedere nei versi parmenidei. Al tempo stesso, per le loro 'metafisiche', i tre filosofi sembrano prospettare un metodo filosofico fortemente rigoroso, quasi geometrico. Questo modulo si soffermerà proprio sull'analisi dello statuto e del metodo della metafisica come onto-teologia, quale emerge dal pensiero di questi tre grandi filosofi dell'antichità.

Metodi didattici

La didattica si svolgerà tramite lezioni frontali, ma con un’attenzione particolare al confronto e al dialogo diretto con studentesse e studenti che potranno, durante le lezioni, formulare proposte di approfondimento e dibattito.

Modalità verifica profitto e valutazione

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso una prova orale, della durata di venti-trenta minuti, in cui verranno proposti alcuni passi dei testi analizzati, che studentesse e studenti dovranno leggere, situare in contesto e commentare.
La prova sarà ritenuta superata se studentesse e studenti mostreranno: a) capacità di analisi e comprensione dei testi; b) proprietà di linguaggio; c) capacità di sintesi e contestualizzazione.

Altre informazioni

Per le/i non frequentanti è previsto un lavoro scritto di una quindicina di pagine su un argomento del corso, scelto in accordo con la docente, da presentare almeno una settimana prima dell'esame orale.

Prerequisites

Knowledge of the most important doctrines in the history of ancient philosophy and a certain argumentative ability are required.

Educational goals

The course will focus on that part of ancient metaphysics constituted by ontology (which draws its origin from Parmenides), Platonic dialectic and Aristotelian first philosophy. The course aims to provide an advanced grounding in texts, concepts and problems of fundamental interest for the history of philosophy in general. It will also introduce students to methods that still constitute the peculiarity of philosophical investigations: the dialectical method and the deductive one.

Course content

The first philosopher to undertake the study of the so-called 'ontology' is Parmenides of Elea who, in a few extremely difficult verses, describes the only possible research path: the way of being. After him, Plato and Aristotle can only continue on the Parmenidean path, founding the dialectic, which is the science of supreme beings, and at the same time ontology and theology (Plato); and the first philosophy (Aristotle), which inherits, albeit in a critical comparison with predecessors, the double ontological and theological statute that Parmenides glimpsed. At the same time the three philosophers seem to propose for their "metaphysics" a highly rigorous, almost geometric philosophical method. This course will focus on the analysis of the status and method of metaphysics as onto-theology, as it emerges from the thought of these three great philosophers of antiquity.

Teaching methods

The course involves lectures, seminar presentations, and discussions.

Assessment and Evaluation

The exam consists in a twenty-thirty minutes interview: students reads, situates in context and comments excerpts from texts analysed.
Students will be able to: a) understand and analyse the texts; b) use a technical language; c) synthesize and contextualize the texts.

Further information

For students who will not be able to attend the course there is one written works of about fifteen pages on one topic of the course, chosen in agreement with the teacher, to be presented one week before the oral exam.